Pagina:Il tesoro.djvu/95

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 85 —


Ma Paolo ascoltava benignamente, e disse inchinandosi:

— Lo so, lo so, ed è per me un grande onore!

— Sì, ma intanto...

— Ma intanto vuol dire che tutti l’ammirano e....

— Che razza di discorso è questo? — pensò Elena riaprendo gli occhi.

— .... Le dispiace forse? — proseguiva De-Cerere. — Vuole che non venga più?

— Oh, non dico questo! — disse Giovanna, voglio dir solo che la gente maligna su tutto, e vede sempre cose insussistenti!

Non era questo il momento opportuno perchè Paolo De-Cerere aprisse il suo cuore e si spiegasse chiaramente? Sul principio della conversazione Giovanna aveva dichiarato, con sommo dispiacere di Elena, che le piacevano gli uomini d’età, seri e posati; poi aveva dimostrato un certo desiderio di maritarsi, e infine diceva che il suo cuoricino era libero.

Perchè dunque Paolo non si spiegava?

Ella, già raffreddata dal contegno preso dall’amico circa il tesoro, non badò molto a ciò, ma ci badò Elena, guardando fissamente il giudice, quasi fosse un reo, con la fronte aggrottata. — Da quel momento la conversazione diventò gelidissima, e non potè riscaldarla neppure il caffè che una domestica servì poco dopo.

A un certo punto, poi, entrò silenziosamente