Pagina:Invernizio - La trovatella di Milano, Barbini, Milano, 1889.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


CAPITOLO DECIMO.

Le deposizioni.



Il processo di Maria, la bella guantaja di Porta Vittoria, accusata e confessa di aver assassinato il marchese Diego Tiani suo amante, aveva menato gran rumore in tutta Milano.

Si attendeva con impazienza il giorno delle Assisie, perchè i fatti non erano ben noti, vi era un lato misterioso, che tutte le indagini dell’istruttoria, non riuscirono a chiarire.

L’accusata aveva raccontato senza reticenze, freddamente, a testa alta «che ella era stata l’amante del giovine, prima ancora che egli prendesse moglie: aggiunse che Diego le aveva giurato di continuare la loro relazione, perchè sposando la figlia del conte Patta, non aveva avuto in mira altro che l’interesse; quindi invece di condurre la sposa lontano aveva scelto per la