Pagina:Isernia - Istoria di Benevento I.djvu/17

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 8 —

piuta storia di sì antica e rinomata città; e tutti i forestieri dotati di non comune coltura, che ebbero occasione di soffermarsi alquanti giorni in Benevento, non rifinirono mai di esortare i nostri concittadini a imprendere un tal lavoro. Ed io che ne avea concepito il disegno nell’ultimo lustro della pontificia dominazione in Benevento, e che ne intramisi la esecuzione per la successiva mutazione del governo, mi studiai, or ha tre anni, di costituire, direi quasi un sodalizio di pochi cultori degli studii storici e di archeologia, per compilare un’istoria di Benevento, seguendo il sistema, ora in uso tra i dotti, di vagliare ed illustrare i fatti più oscuri della storia antica con la ponderata e profonda investigazione dei superstiti monumenti. E per tal modo appunto venne fatto al Garrucci di determinare tutte le forme di governo che si alternarono in Benevento, da che addivenne colonia latina. Il sommo Goethe solea dire che «una raccolta di antichità vale più che tutte le ipotesi storiche. In esse trovate almeno l’orma della vita passata. La storia come l’arte figurativa, la storia civile come la storia naturale hanno bisogno d’essere vedute, studiate, meditate sul vero. Il resto è copia di copia, e riflesso.» E se vera dobbiamo ritenere la citata sentenza, egli è innegabile che per iscrivere una storia interamente, o in gran parte almeno, desunta dalle scrutate reliquie dell’antichità, non havvi città d’Italia che più di Benevento offra agli studiosi ampissimo subbietto di erudite indagini e meditazioni. E certamente la sola investigazione degli avanzi dei patrii monumenti, benchè scevra dell’aiuto degli storici, sarebbe sufficiente a stabilire la sua più remota e, quasi potremmo dire, leggendaria antichità, le diverse nazioni che l’hanno signoreggiata, e le sue svariate vicende. Il salutifero emblema della cristianità si eleva su sculti simboli e geroglifici della più antica mitologia, ed edificii di architettura greca e romana alternansi con iscolture e fabbriche di costruzione gotica e longobarda. Iscrizioni romane sono mescolate ad altre in caratteri longobardi, e tutti quelli che percorrono curiosi le vie della città si avvengono con meraviglia, ad ogni passo quasi, in