Pagina:Isernia - Istoria di Benevento I.djvu/22

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 13 —

fidarne la cura interamente a poveri campagnuoli, i quali, astretti il più delle volte nella stagione della semina a togliere ad usura il denaro, di che han bisogno, per la coltivazione dei loro terreni, si limitano alle sole spese necessarie, rinunziando alla speranza di più copioso prodotto.

A tanto male avrebbe potuto ovviare unicamente la istituzione di una di quelle banche agricole ipotecarie, per le quali venne in fiore l’agricoltura, ovunque allignarono, dacché esse forniscono agli affittuarii con modico interesse le somme necessarie alla coltivazione dei loro poderi. E ce ne offrono luminosi esempi le banche cooperative inglesi, e quelle fondate in Alemagna da Schutre Delitzich, e le popolari di Eisleber. E non ignorasi che nella Scozia in ispecial guisa le banche agrarie tramutarono i dirupi descritti dal celebre Walter Scott, ove solo brucavano le capre, e girellava qualche pescatore, in terreni feraci, colmi d’ogni bene che, nei luoghi meglio favoriti dalla natura, la state dispensa e l’autunno. E molto pure gioverebbe che si animasse tra noi quello spirito di associazione che suol essere operatore di meraviglie anche nei paesi ai quali fu più ingrata la natura. Ed è innegabile che se i miei concittadini congiungessero a gara i piccoli capitali per compiere ardue imprese, e usassero delle correnti dei fiumi Sabato e Calore nel modo più fruttuoso che sia possibile ai bisogni del paese, Benevento, oltre i molini e le gualchiere per cave e cartiere, di cui ora non ha penuria, si vantaggerebbe in breve tempo di ferriere, conce di pelli, filatoi di cotone e di seta, e di altre industrie, lavoro e vita a migliaia di operai, e non avrebbe da invidiare qualsivoglia paese più fiorente d interno commercio.

Rispetto poi all’indole e ai costumi dei beneventani, parrebbe a prima vista che dovessero distinguersi molto da quelli dei popoli circostanti, non pure per la lunga signoria dei longobardi, ma sì veramente per il suo politico isolamento durante il corso di più secoli, e la singolare natura del suo reggimento. Ma il fatto è ben diverso, poiché per la breve distanza che ci separava dalla metropoli del reame delle due