Pagina:Isernia - Istoria di Benevento I.djvu/26

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 17 —

di accertarne l’origine e la stirpe. Gli Osci non furono digiuni di ottime regole di morale, di ordine e di ossequio alla legge; e perciò da essi nacquero popolazioni bellicose, che soprastavano a tutte le altre d’Italia per virtù pubbliche, ed indomato amore alla indipendenza. Laonde i costumi originarii degli Osci serbaronsi schietti ed intemerati, per guisa che l’amore della libertà e la pratica dei doveri morali, che è il massimo bene dei popoli, non mancò che con la loro vita politica.

Egli non pare dubbio che l’intera generazione degli Osci fosse stata sin da tempi immemorabili governata con ordini sacerdotali; e ciò risulta non solo dalle prime loro istituzioni, ma ancora dal costume nazionale delle sacre primavere di cui avrò a toccare indi a poco. E dal domma teocratico prese alimento quel potente senso di religione che prevaleva nei loro istituti e costumi, che non furono gran fatto modificati dalla prossimità dei civilissimi Etruschi e dei Greci, i quali occuparono senza, direi quasi, colpo ferire, molta parte dei lidi meridionali d’Italia; stantechè gli indigeni abitatori, stanziando per lo più tra le alture e nelle valli interne dell’Appennino, lasciarono ad essi libere le terre sulle marine. Ma non è a tacere che l’aere molle e voluttuoso della Campania riuscì moralmente esiziale a tutti coloro che l’abitarono, e si avverò sempre la sentenza del Tasso

«La terra molle, lieta e dilettosa
Simili a sè gli abitator produce;

perchè la tennero successivamente gli Osci, gli Etruschi e i Greci, e vi divennero molli e vi perirono; e gli stessi Sanniti, che l’abitarono, furono i primi della loro stirpe a perdere il coraggio e l’indipendenza dei padri. Ma sebbene sia falso del tutto che i greci dirozzassero i prischi abitatori dell’Italia, pur tuttavia, per amore di verità, è a convenire che i greci, prendendo stanza in quei luoghi, coi loro studii e con le loro arti contribuirono a rendere più florida la civiltà di quell’incantevole regione.


Istoria di Benevento 2