Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.1.djvu/640

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
616 illustri italiani

verchia concentrazione, sia pure ne’ sentimenti più autorizzati. Molto ella ammirava il cardinal Contarini, e quando morì a Bologna il 24 agosto 1542, compiangeva perchè

               Potean le grazie e le virtù profonde
                    Dell’alma bella, di vil cose schiva
                    Ch’or prese il volo a più sicura riva
                    Vincendo queste irate e torbid’onde,
               Rendere al Tebro ogni sua gloria antica;
                    E all’alma patria di trionfi ornata
                    Recar quel tanto sospirato giorno
               Che, pareggiando il merto alla fatica,
                    Facesse quest’età nostra beata
                    Del gran manto di Pier coperta intorno.

Nella qual occasione a suor Serafina Contarini dirigeva condoglianze, ricordandosi «delle sue pie e dolci lettere, quando convitava quello amatissimo fratello a desiderar di ritrovarsi con lei alla vera patria celeste, e della domanda che gli fe di esponer certi salmi, che dinotava aver la morte, passione e resurrezione di Cristo sempre impressa nel cuore». Ed enumera i meriti del defunto, e «l’ottimo e divino esempio che dava a ciascuno, e la molto importante utilità alla Chiesa, alla pace e al quieto viver nostro. Ma dovemo esser sicuri che l’infallibil ordine del re, signore e capo di tutti noi, sa il migliore e più atto tempo di tirare a sè le membra sue. Rimane solo la perdita della sua dolcissima conversazione, e il profitto di santissimi documenti suoi.... Or altra spiritual servitù non mi resta che questa dell’illustrissimo e reverendissimo monsignor d’Inghilterra (Polo), suo unico, intimo e verissimo amico e più che fratello e figlio: qual sente tanto questa perdita, che’l suo pio e forte animo, in tante varie oppressioni invittissimo, par l’abbia lasciata correre a dolersi più che in altro caso che gli sia occorso giammai».

Ma il suo affetto principale restava sempre pel cardinale Polo: è quand’esso partì pel Concilio di Trento, minacciato sempre dagli assassini, essa il raccomandò caldissimamente al cardinale Morone, e nel processo fatto poi a questo trovammo varie lettere, per verità

oscure e dubbie1. Eccone una da Viterbo il 30 novembre:

  1. Su quelle lettere fu molto escusso il cardinal Morone, e rispondendo sul conto della marchesa, disse: — Io la conobbi in Napoli, e, quando fui fatto vescovo, mi