Pagina:Italiani illustri ritratti da Cesare Cantù Vol.2.djvu/122

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
112 illustri italiani


X.

Ma egli era echeggiato da una scuola di numerosi adepti, di potenti corifei, di fervidi ammiratori, la quale distribuiva la gloria, le decorazioni, le cattedre, i posti nell’Istituto, rimbalzandosi le lodi ne’ circoli e sui giornali. L’Impero voleva anche i fiori squisiti dell’intelligenza e dell’arte, che sono l’ornamento de’ grandi secoli, ma che non fioriscono se non dove la coscienza interrogata può dire la verità.

I ministri d’Italia doveano circondarsi di letterati, e principalmente il Veneri e il Paradisi ne’ loro circoli raccoglievano quanti dotti aveva il regno; l’esservi ammesso e preconizzato era la condizione d’ogni successo; di là usciva la riprovazione o l’esaltamento d’ogni opera dell’arte, di là le elezioni all’Istituto1. Il Monti naturalmente vi primeggiava, non tanto in ragione del talento, come della flessibilità, per la quale appuntandolo consolavansi i mediocri.

Per la ragione contraria v’era meno accetto Ugo Foscolo, che, comunque operasse da individuo ed in privato, sentiva che un autore verrà giudicato da’ suoi scritti, e non voleva insudiciar la Musa; dotato di selvaggia grandezza e pauroso di sembrar comune, fra gente devota alla più comoda delle eresie, la noncuranza di ogni principio, affettava di averne al modo stoico, e dalle passioni e dalla moda spinto a sollecitare il favor de’ ministri, pure ricusava di prostituirvi la dignità delle lettere; e non lo chiedeva, benchè invidiasse quelli che l’otteneano; col mal dissimulato disprezzo per le mediocrità primeggiane, e con quell’ira che spesso appone a una classe o ad un paese intero i torti di qualcuno, professava «abborrimento contro i ciarlatani e impostori, vendilettere, vendifama, vendipatria di Lombardia», ove deplorava che «i letterati sono vilmente timidi; segnatamente a Milano, sono, chi più chi meno, tutti vilmente raggiratori».

Dapprima il Monti e il Foscolo vedeansi in amicizia, e quegli scriveva a questo: — Il tuo massimo studio deve essere il conservarti la grazia del principe. Aggiungi dunque alla tua Prolusione (te ne scongiuro) due parole, un cenno che apertamente tocchi le lodi dell’imperatore e del principe. Questa è una costumanza, dalla quale

  1. Vedi l’appendice D.