Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/155

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

123


nel quale non s’attacca alcun’ancora; alga, strati di conchiglie, masse di pietre, e varie specie di marmo. Il fondo presso Marsiglia è coperto di bellissimo marmo, e presso le isole Maldive si traggono dal suo fondo le pietre più dure per le fabbriche. In esso troviamo boschi intieri di coralli, antri, caverne, valli e precipizj.

Le isole non sono altro che le punte delle montagne le quali s’innalzano sulla superficie del mare. Ciascun basso fondo fa supporre esistervi una montagna. Vi sono montagne artificiali di una considerabile circonferenza, cioè banchi di corallo i quali veramente non sono formati dalla natura non organica ma ammassati da ammirabili verminetli: queste montagne stanno verticalmente, simili ad immense muraglie di roccia, ed in piccole distanze dalla sponda circondano spesse volte isole intiere. Taiti, per esempio, è cinta da una tale muraglia: nella vicinanza di Turtle Eiland (isola delle Tartarughe) s’innalza quasi in forma ovale una diga di coralli da una profondità immensurabile sino alla superficie del mare, la quale in molti siti, particolarmente in tempo di riflusso, resta scoperta dalle onde. Que-