Pagina:Kant - Geografia fisica, 1807, vol. 1.djvu/91

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

59


pre. Una stella nel dragone, segnata da Bayer α, ha occupato molto tempo questo posto: e nella sua maggior vicinanza, 28I8 anni avanti Cristo, fu distante dal polo solamente 10' 25"; vicinanza alla quale la nostra stella polare di gran lunga non arriverà, come pure nessun’altra stella.

I due punti sulla superficie della terra, pei quali passa l’asse, si chiamano i punti di rotazione, ovvero poli. Questi, in confronto alla terra che gira intorno ad essi, possono essere riguardati come fissi. Intorno ad essi possiamo figurarci una quantità di circoli concentrici. Vicino ai poli saranno piccoli, ma cresceranno gradatamente, finchè uno fra loro, in eguale distanza da ambedue i poli, sarà il maggiore. Potremmo chiamarlo il circolo medio; e siccome, tirandovi un piano, dividerebbe la terra in due parti eguali, così lo nominiamo equatore.

Questi due poli e l’equatore non sono punto immaginarj, ma tirati dalla natura stessa, e resi assai conoscibili. La terra, a cagione dei poli, è intorniata coll’equatore, quasi con una grande fascia, in confronto alla quale svaniscono le più alte montagne;