Pagina:L'edera (dramma).djvu/16

Da Wikisource.


Zio Zua.

I danari, eh?... I miei danari!... Non avete altro pensiero... Verrà il giorno!... Verrà!... E sarete tutti contenti!

Annesa

si volge, stizzosa.

State zitto, vechio cattivo!... Chi pensa ai vostri danari?... Chi vi vuol male?... Siete voi che infastidite gli altri!... E finitela... o chiamo Don Simone!

Zio Zua.

Chiamalo pure!... Lui solo è buono, in questa casa... Invece tu... e certi altri...

Annesa.

Quali altri?

Zio Zua.

Paulu!

Annesa

si avvicina al letto, minacciosa.

Tacete... o guaj... guaj a voi!... Lasciate Paulu in pace, già che non volete ajutarlo!... Egli è abbastanza disgraziato!

Zio Zua, alquanto impaurito, ammutolisce. Annesa lo guarda con odio: — poi si allontana.



— 6 —