Pagina:L'elemento germanico nella lingua italiana.djvu/303

Da Wikisource.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca

ledro — leff. 275


lecche-ria-ttino-tto; lecco-ncino-ne-neria-nessa-nia-rnia; leccume.

Ledro, allettamento, esca (dial. lucchese). Usasi nella frase «dare il ledro» che vale “dare il lecco”. Secondo il Caix 375 è la stessa voce che afr. loitre, fr. leurre, ing. lure, e proverrebbe da mat. luoder, esca, da cui tm. Luoder, esca, carogna, rozza. Del vocab. ger. tratteremo espressamente sotto Logoro, il quale ultimo nome, del pare che Lodretto, Luodro, è venuto di là.

Leff, labbro (dial. comasco). Procedette da aat. mat. lefs, tm. Lefze, labbro. Altre forme ger. sono: aat. leffur leffura, lepora, as. lëpur, aat. leps lëfs, mat. lëfs lëfse, svev. läfzg, mat. lëspe, tirol. lespe, lebse. Secondo il Kluge p. 230, la forma ger. primitiva di questa voce era lepas, gen. lepazes lefs, gen. lefses. È originariamente affine a got. * lipiô, as. * lippia, ol. lip leppe, ags. lippa, ing. lip, tm. Lippe, labbro. Il tm. Lippe è parola sconosciuta all’aat. e mat. Penetrò nell’at. al tempo di Lutero e si mise a canto a Lefze; e prima era stato solo voce del bt. V. Kluge p. 239. La rad. ger. comune sarebbe un lep da leb. Il Kluge ammette l’affinità indeu. di questa rad. con l. labium, purchè non si riferisca quest’ultimo a lambere, leccare, poichè labbro come significante “leccante” è concetto che non soddisfa. Ritiene poi falso ciò che è ammesso dallo Schade e da altri, cioè che aat. lefs e ags. lippa provengano da vb. aat. laffan, da cui mat. laffen, leccare, e ciò per le regole dell’ablaut, giacchè a t. Lippe corrisponderebbe un got. * lipan e non * lapan. All’incontro aat. laffan corrisponde a l. lambere, e ne venne tm. Löffel, cucchiaio. Il l. labium riposerebbe su un * lebium, rispondente a got. * lipiô. Anche il persiano presenta lab, labbro. La rad. ger. in quistione agì sull’it. colla prima delle due forme, cioè con aat. lëfs; e il fatto che resta solo in parte della Lombardia, accenna evidentemente ad importazione longobarda. Colla seconda, cioè ags. lippa, influì sul fr. che ne cavò lippe