Pagina:La Cicceide legittima.djvu/128

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

121


La "Decisione A D. Ciccio.

ccxxxviii.

HAnno in Bologna eretta ultimamente
     Un’Accademia, dove ognun propone
     Qualunque dubbio, che li venga in mente
     4A guisa del Simposio di Platone.
Or, D. Ciccio, colà questa questione
     fu messa fuor, cioè se veramente
     Si possa dir, che tu sii quel C....
     8Ch’io t’ho descritto, e che ti tien la gente.
In sul principio stettero un pochetto
     Quei Signori Accademici perplessi,
     11Per la profondità di tal Soggetto.
Ma fatti al fine i debiti riflessi,
     A voce viva fu concluso, e detto,
     14Che sei C.... più che i C .... istessi.


Il Pellegrinaggio^

ccxxxix.

D. Ciccio a un genial pellegrinaggio
     Da forte simpatia sollecitato,
     La dov’è ’l Dio Priapo idolatrato
     4Fè, son più giorni, a Lampsaco passaggio.
Giunto al gran Tempio in sù l’entrar di Maggio
     Quando a cento Trombon davano il fiato
     Altrettanti Somari, anch’ei, cacciato
     8Mano a la piva sua gli rese omaggio.
Il Sacerdote allor rivolto ad esso,
     Signor, gli disse in placido sermone,
     11Deh qui rimanti al nostro Nume appresso.
Così con amichevole unione
     S’adorerà sopra un Altare istesso
     14Congiunto al Dio cotale il Dio C....



F3 Il