Pagina:La Cicceide legittima.djvu/208

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

201

La Caduta.
Al Signor Domenico Vanni.

lvi.

VAnni, il nostro D. Ciccio una mattina,
     Ch’era fermato in casa per la pioggia,
     Si mise a passeggiar su quella loggia,
     4Che va dal caposcala a la cucina.
Ben sai, ch’ella non ha muro in calcina;
     Ma ch’è tutta di legno, e che s’appoggia
     Su certi travi accommodati a foggia
     8Di balestron, che fan temer ruina.
Or nell’andarvi sù, ruppesi un’asse,
     Ed ei che non avea dove attaccarsi,
     11Fu di necessità che traboccasse.
Io ’l vidi, e dubitai, che li spallasse.
     Poi dissi: Omai non potrà più negarsi,
     14Che pur tal volta un Asino volasse.





Il