Pagina:La Geometria del Compasso.djvu/282

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

263

molto più esatti, qualora facesse d’uopo non solo per formare cubi nei rapporti espressi quì sopra, ma anche in altri, se si cercasse di qual arco espresso in gradi, minuti, e parti di minuti sieno corde le radici cubiche, o le metà, terzi ec. delle radici cubiche richieste alla costruzione del cubo cercato, e si ricavassero poi queste corde dal cerchio diviso appunto in gradi minuti ec. (§. 243. 244. ec.), e s’impiegassero poi quelle corde, o i loro multipli (§.64.65) alla stessa costruzione del cubo.


279. E quì sia fine ormai a questa Geometria del Compasso, che se non dispiacerà ai Geometri, e se potrà in qualche modo servire agli Artisti, i Disegnatori, e spezialmente ai Divisori de’ cerchi per gli usi Geografici ed Astronomici; io mi troverò delle lunga noia divorata nel comporla abbastanza ricompensato.

FINE.