Pagina:La Valle Seriana.djvu/41

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 41 —


senta S. Giorgio a cavallo, in atto di trafiggere un Drago (emblema dell’eresia) ed a fianco una nobile donzella intimorita (simbolo della religione). In quello della cimasa è dipinto la Vergine col bambino in braccio. I due laterali, su ambo i lati di quello di mezzo, uno sulla diritta rappresenta S. Alessandro e uno raffigura S. Defendente; e sulla sinistra, in uno è dipinto S. Lucia e nell’altro S. Apollonia. L’altare laterale a cornu Evangelii è adorno di una bellissima ancona rappresentante la S.S. Vergine del Rosario col Bambino e a canto, S. Domenico, S. Rosa, S. Francesco e S. Orsola con bella gloria di Angioli, lavoro veramente prezioso del nostro Talpino. All’altro altare poi, a cornu Epistolæ, esiste un bellissimo quadro, in cui si raffigura la gran Cena di Cristo co’ suoi Apostoli, lavoro de’ più studiati e stimati del nostro Giampaolo Cavagna, che vi dipinse se stesso sotto la forma di un servo che appresta un piatto di vivande ai convitati. Tutta la chiesa è sparsa di vari freschi il cui gusto dimostra quanto sia antica. Vi dipinsero anche i quadri di due altri altari il nostro Orelli, il vecchio, e il nostro Albrici.

Questa chiesa ferma lo sguardo anche colla sua esteriore forma antica.

Industria e commercio. — Ha tutto comune con Gazzaniga.

Scuole e beneficenza. — Idem, idem.

N.B. A Fiorano la strada provinciale si biforca in due rami, l’uno prosegue diritto e toccando Vertova conduce alla Valle Seriana Superiore; l’altro piega a nord-est e passando il ponte sul Serio s’interna nella Val Gandino e dopo 7 km. si giunge al capoluogo della medesima, Gandino. Comoda e ben tenuta ne è la strada che sale sempre fra dolci pendii, ameni colli e ridenti campi.


LEFFE.


A quattro km. da Fiorano, due da Gandino, sulla destra della strada «là, ove men ripido il giogo estolle» trovasi Leffe. Ha una superficie di Ettari 634 ed una popolazione