Pagina:La Valle Seriana.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

— 48 —


del Fantoni. Possiede questa Chiesa anco un prezioso tesoro di reliquie fra le quali quelle di S. Agnese, Vergine e Martire, pregevoli sì per ricchezza che per gusto artistico.

Quanto all’altra chiesa col titolo di S. Martino essa è posta in sito eminente (dalla piazza vi si ascende per una comoda scalinata riattata or sono due anni con non indifferente spesa e con buon gusto), grande essa pure e fornita di sette altari, adorni alcuni di essi d’opere di mano, o almeno, della scuola de’ celebri nostri Talpino, Cavagna e Zucchi.

Industria e commercio. — Rinomatissimo un giorno questo paese per le sue fabbriche di pannina e pel grande commercio che vi si tenne altra volta di tali prodotti, conserva tutt’ora degli ampii edifizii (ad esempio la Chiodera). Quand’era attiva l’escavazione della lignite vi dava molti ed abili operai. Da anni parecchi s’era intrapresa, con buon successo, ed ora ha preso molto sviluppo, la tessitura di coperte in genere; v’è una filanda di cotone idraulica, un torcitoio seta, fabbriche di laterizii importanti, eccellente forno per calce, molini per grano, ecc. ecc.

Vi si tengono due fiere annue: al 29 settembre (S. Michele) e all’11 novembre (S. Martino), ciascuna dura due giorni.

Scuole e beneficenza. — Tutte le classi elementari, un asilo infantile tenuto dalle monache nel loro antico e vasto fabbricato, già proprietà della famiglia de’ conti Mosconi — Ospitale con grosso reddito. Congregazione di Carità.

Uomini illustri o benemeriti. — Famiglia de’ Conti Mosconi, i quali, non meno che in patria signoreggiarono splendidamente in Verona ed in Germania ove ottennero onorificenze speciosissime.

I nobili fratelli Pezzoli d’Albertoni di Milano (di qui famiglia originaria) alla generosità dei quali si deve l’Ospitale degli infermi che lo fecero fabbricare verso il 1810 e lo fornirono pei primi d’un’annua entrata.

Il sac. Don Stefano Viani che lasciò locali e redditi per le scuole.

Ebbero pure quivi i natali molti altri uomini rinomati nella ecclesiastica carriera, nella pietà, nelle lettere e nella musica.