Pagina:La prima corsa di prova sul tronco di ferrovia Coccaglio-Bergamo-Treviglio.djvu/4

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

architetto ed agronomo 163
Mazzucchetti, ora Venanzio, posto a levante del punto d’incontro del ferroviario di circa metri 300 sino alla Cascina Malpensata, distante a sera di altri metri 900, non è vincolata dopo lo scarico del filatojo Venanzio già detto, a livelli fissi di edifici, di estrazioni di sorta alcuna. Per questo tratto della lunghezza complessiva di metri 1200 ha un corso rapidissimo per una pendenza totale di metri 8,19. Ora sistemato quel cavo sotto una normale pendenza dell’uno per mille, che è quella assegnata dai trattatisti d’Idrometria a consimili cavi, era così dato di abbassare il suo letto con una procurata cascata prima dell’incontro della ferrovia di metri 7,00 sotto il livello attuale.

Dunque la prima difficoltà superata.

Veniamo all’altro incontro, che sussegue, cioè del torrente Morla. Il letto di questo torrente al sito dove attualmente attraversa il ferroviario pare a tutta prima fatto inalterabile. Ed in vero a circa metri 350 del suo corso superiore è sottopassato dalla roggia Morlana obbligata sopra le due sponde del torrente a livelli fissi, cioè sulla sponda di sinistra al piano inferiore della cascata dei filatoj e maglio Caffi e sulla destra al sostegno della cascata animatrice dell’opificio di filatura Mieville. Inoltre poco superiormente a questo sottopassaggio va mantenuto il livello di confluenza nel torrente dell’acqua serviente il molino della Madonna della Neve; poi vi ha un altro sottopassaggio dirimpetto alla ortaglia Ghidini. E questi sono veramente punti invariabili.

Discendendo invece il corso del Morla dopo il traverso della strada ferrata a metri 300 si incontra il ponte che forma continuità della strada comunale che dal cimitero mette al conventino ed alla postale bresciana, e precisamente nella località in fianco alla villa Sottocosa; sotto passano due altre acque, cioè la roggia Guidana, di cui si è già parlato, ed un piccolo cavo di derivazione di pochi scoli della roggia Fonte-perduto.

Ma queste due acque sottopassanti non sono obbligate a livelli determinati. Infatti
per quanto alla Guidana abbiamo già veduto che si può portare il suo letto ad un livello inferiore dell’attuale di metri 7,00, mentre l’affondamento per noi voluto non sarebbe che di circa metri 4,00, come vedrassi. Per poi al Cavo dei coli del Fonte-perduto si può invece pel suo livello elevato di derivazione a sinistra, e di trasmissione a destra (che è quello del suolo naturale delle sponde del Morla), si può invece farlo sovrapassare al Morla medesimo.

Ora ottenuto il possibile abbassamento della Guidana ed il sovrapassaggio delle colature del Fonte perduto, svincolato così il letto del Morla da quel livello, si può anche il Morla medesimo abbassare.

Comincierò a premettere che dal livello fisso del sottopassaggio della roggia Morlana posto, come si è già accennato a metri 350 a monte del ponte della ferrovia, discendendo fino all’incontro del paesetto di Campagnola, misura il torrente Morla la lunghezza di un chilometro e mezzo. Sopra questo tratto del suo andamento (levati quelli già a della Guidana e Fonte perduto, non vi sono altri ostacoli di livelli stabili) presenta una pendenza media del 3,50 per mille, cioè metri 5,25 in totale. Si premette inoltre che poco prima del detto paese di Campagnola levando il partitore sezionale, che dà la prima estrazione d’acque d’irrigazione, e levata la cascata del molino, si può guadagnare il salto di quella cascata di metri 2,50 affondandone a quel livello il cavo. Così utilizzato questo salto, e guadagnati altri metri 2,25 con la regolarizzazione del cavo sotto una pendenza fatta limitata al due per mille (che le alte sponde permettono di fare, e che varrà anzi a meglio garantire le sponde medesime per la ridotte rapidità), si potrebbe portare il letto del torrente al sito di passaggio della ferrovia ad un affondamento di metri 4,75. Per poi provvedere alla prima estrazione d’acque irrigue che si fa poco sopra al ponte di Campagnola (e che va soppressa), si dovrebbe rimontare in fregio sulla sponda di levante del letto del torrente con un altro