Pagina:La secchia rapita.djvu/65

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
52 CANTO


LXVII.


Un giovinetto di superbo core,
     Che di sua fresca etade in sul mattino
     Non avea ancor segnato il primo fiore
     532Del primo pel, nomato Valentino,
     Avea dipinto addormentato Amore;
     E Medola reggea, Montefiorino,
     Mursiano e Rubbían, Massa e Rovello,
     536Vedríola, e dell’Oche il gran castello.

LXVIII.


Di giavellotti armati e giannettoni,
     Di panciere e di targhe eran costoro,
     Con martingale13 e certi lor saioni,
     540Che chiamavano i sassi a concistoro.
     Sotto le scarpe avean tanti tacconi,
     Che parea il campo d’Agramante moro,
     Che in zoccoli marciasse a lume spento:
     544E non erano più che cinquecento.

LXIX.


Poichè la fanteria della montagna
     Fu veduta passar di schiera in schiera,
     Il Potta fece anch’egli alla campagna
     548Uscir la gente sua ch’armata s’era.
     E già quella di Parma e d’Alemagna
     E di Cremona, giunta era la sera
     Dalla parte del Po per la fatica
     552Che da Reggio temea, città nemica.

LXX.


In Garfagnana intanto avea intimato
     Ai cinque capitan delle bandiere,
     Che non uscisser pria di quello stato,
     556Che vi giugnesse il re con le sue schiere:
     Però ch’anch’ei da Lucca avea mandato
     A fare in fretta alla città sapere
     Ch’ei venia quindi; e domandava gente,
     560Da potersi condur sicuramente.