Pagina:La tempesta (Shakespeare-Maffei).djvu/94

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

atto terzo. - sc.ii. 325

                       stefano.
            Non fiatar!
                      (A Calibano.)
                           Tu segui!

                       calibano.
                                           Io vi dicea
Che per arte infernal di questa terra,
Già mia, prese il dominio. Or se vendetta
Farne l’Altezza tua... perchè coraggio
Hai tu, ma non costui.

                       stefano.
                                  Vero, stravero.

                       calibano.
Tu Signor di quest’isola saresti,
Io servo tuo.

                       stefano.
                      Ma come far? La guisa
Mostrarmene sai tu?

                       calibano.
                                Si! Nelle branche
Tel porrò mentre dorme, e tu potrai
Piantargli un chiodo nella fronte.

                        ariele.
                                           Menti!
Nol potrà.

                       calibano.
                  Ma qual tanghero dipinto,
Ma qual lordo palton? Lo picchia, Altezza,
Ti prego, e il fiasco dalla man gli strappa.
Quando più non lo tegna, acqua di mare