Pagina:Landi - Vita di Esopo, 1805.djvu/164

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
150 D I   E S O P O

la disse: O pazza, che sei, perchè nutrisci tu questi, che come saranno cresciuti, comincieranno da te a far l’ingiurie.

Sentenza della favola.

La favola significa la crudeltà non potersi mai placare, benchè le sono fatti gran beneficj.


Del Camello. 94.


La prima volta, che il Camello fu veduto gli uomini vedendo la sua grandezza, fuggivano. In spazio di tempo conoscendo la sua mansuetudine, tanto se ne confidarono che gli andarono appresso; da poi comprendendo, che non aveva ira alcuno, tanto più l’incominciarono a disprezzare, intanto, che gli posero il freno, e lo diedero a governare a fanciulli.

Sentenza della favola.

La favola dimostra, che le cose terribili si fanno con la consuetudine di poca stima.


Del Serpente. 95.


Il Serpente essendo calpestato da molti, si lamentò con Giove, il quale rispose: Se tu avessi morsicato il primo che, ti pose il piede addosso, il secondo non avria avuto ardire di offenderti.

Sentenza della favola.

La favola dinota, che quelli, che resistono ai primi, che gli fanno ingiuria, dagli altri sono poi rispettati.


Della Colomba, e la Cornacchia. 96.


La Colomba essendo nudrita in un Colombajo, si gloriava di molti figliuoli, che ella faceva. La Cornacchia le disse: Taci