Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/110

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

CINO DA PISTOIA

ESIGLIO, DOLORI CIVILI, MORTE DI SELVAGGIA




LXXVIII


     Sì m’ha conquiso la selvaggia gente
Con gli suoi atti novi,
Che bisogna ch’io provi
Tal pena che morir cheggio sovente.
     Questa gente selvaggia5
È fatta sì per farmi penar forte,
Che troppo affanno sotterra mia vita:
Però chieggio la morte;
Ch’io voglio, innanzi che facci partita
L’anima dallo cor, che tal pena aggia;10
Ch’ogni partenza di quel loco è saggia,
Ch’è pieno di tormento:
Et io, per quel ch’i’ sento,
Non deggio mai se non viver dolente.
     Non mi fora pesanza15
Lo viver tanto, se gaia et allegra
Vedess’io questa gente e d’un cor piano :
Ma ella è bianca e negra,
E di tal condizion ched ogni strano
Che del suo stato intende n’ha pesanza;20
E chi l’ama non sente riposanza,
Tanto n’ha coral duolo:
Dunque, ch’io son quel solo
Che l’amo più, languisco maggiormente.
     Cotal gente già mai non fu veduta,25
Lasso!, simile a questa;
Ch’è crudel di sè stessa e dispietata,


— 104 —