Pagina:Le Rime di Cino da Pistoia.djvu/302

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
GIOVANNI BOCCACCI

XI


     Amor, dolce signore,
Poi c’hai il nostro cuore in tua balìa,
Per dio, fanne contente.
     Tu se’ nostro signor caro e verace,
5E noi così volemo;
Tu se’ colui che ne può render pace
Nel gran disio che avemo.
Però quanto potemo
Preghiam tua signorìa,
10Che in vêr di noi si porti umilemente.
     Noi siam qui giovinette, e tu il ti sai
Che poco di gravezza
Che noi sentiam ci par sentire assai.
Però la tua grandezza
15A chiunque la sprezza.
Signor, falla sentire;
Chè a noi non cal, che siam tue veramente.
     Fa’ sentire a coloro il tuo valore.
Che si fanno chiamare
20Innamorati senza farti onore:
Che se tu fai provare
Lor quanto tu puoi fare,
Saranno innamorati;
E noi ti loderem più degnamente.
25     Noi ardiam tutte per la tua virtute
Nel tuo cocente foco,
Per dio, mercè! deh, donaci salute
Anzi che mutiam loco!
Che già a poco a poco
30Per te ci consumiamo.
Se tu non ci soccorri tostamente.
     Fa’, signor nostro, gli animi pietosi
Degli nostri amadori;
Raffrena alquanto i lor atti orgogliosi
35Con più aspri dolori
Che non hanno ne’ cori;


— 296 —