Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/136

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
120 il croquet

abbassava di nuovo il collo, e si accingeva a ricominciare; ecco il riccio si era sricciato, e andava via: oltre a ciò c’era sempre una zolla o un solco là dove voleva sbalzare il riccio, e siccome i soldati si alzavano sempre e vagavano quà e là, Alice si persuase che quello era un giuoco disperatamente difficile.

I giuocatori giuocavano tutti insieme senza aspettare la loro volta, litigando sempre e picchiandosi a causa de’ ricci; di tal che la Regina ne diventò furiosa, e andava quà e là battendo il piede e vociando ad ogni istante, “Mozzategli il capo!” oppure “Mozzatele il capo!”

Alice cominciò a sentire un pò d’ansietà: è vero che non avea contrastata con la Regina, ma ciò poteva accadere ad ogni momento, e pensò “che cosa ne sarà di me? Quì hanno un gusto matto a mozzar teste; è una meraviglia se ve ne sia alcuno che abbia ancora il capo sul collo!”

E studiava il modo di scappar via, senza esser veduta, quando osservò un’apparizione curiosa nell'aria; prima ne restò sorpresa, ma dopo