Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/140

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
124 il croquet

tori che avevano mancato alla loro volta; tutto ciò non le piaceva, perchè il giuoco era caduto in tale confusione che ella non sapea più se la sua volta fosse venuta o no. Andò dunque in cerca del suo riccio.

Il riccio stava allora battagliando contro un altro riccio, ciò sembrò ad Alice una occasione propizia per battere a croquet l'uno con l’altro di loro: ma v’era una difficoltà, il suo fenicòntero era andato all’altro lato del giardino, e Alice lo vide che si sforzava inutilmente di volare sopra un albero.

Quando le riuscì di afferrare il fenicòntero e lo ricondusse sul terreno, il combattimento era finito, e i due ricci s’erano allontanati: “importa poco,” pensò Alice, “poichè tutti gli archi se ne sono iti all’altro lato del terreno.” E se lo acconciò per benino sotto l’ascella, acciocchè non scappasse più, e ritornò al micio per riappiccicar con lui il discorso.

Ma con sua sorpresa trovò una folla immensa intorno al Ghignagatto: il Re, la Regina, e il