Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/162

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
146 la contraddanza

gustai — ” ma inghiottì la frase, e disse, “Nò mai”) — “così voi non potete farvi una idea della bellezza d’una contraddanza de’ Gamberi!”

“Nò, davvero,” rispose Alice. “Ma ch’è mai la contraddanza de’ Gamberi?”

“Ecco,” disse il Grifone, “prima di tutto si forma una linea lunghesso la spiaggia — ”

“Due linee!” gridò la Falsa-Testuggine. “Foche, testuggini di mare, salmoni e simili: poi quando avete tolti via della spiaggia i polipi viscosi — ”

“E ciò fa perdere molto tempo,” interruppe il Grifone.

“— voi fate un avant-deux.

“Ognuno avendo un Gambero per cavaliere,” gridò il Grifone.

“Eh, già!” disse la Falsa-Testuggine: “voi fate un avant-deux, poi un balancé — ”

“— scambiate i Gamberi, e ritornate en place,” continuò il Grifone.

“E poi, capite?” continuò la Falsa-Testuggine, “voi scaraventate i — ”