Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/18

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
2 giù nella

non c’erano imagini nè dialoghi, “e a che serve un libro,” pensò Alice, “senza imagini e dialoghi?”

E andava fantasticando col suo cervello (come meglio poteva, perchè lo stellone l’avea resa sonnacchiosa e grullina), se il piacere di fare una ghirlanda di margherite valesse la noja di levarsi su, e cogliere i fiori, quand’ecco un Coniglio bianco con gli occhi di rubino le passò da vicino.

Davvero non c’era troppo da meravigliarsi di ciò, nè Alice pensò che fosse cosa troppo stravagante di sentire parlare il Coniglio, il quale diceva fra sè “Oimè! Oimèi! ho fatto tardi!” (quando se lo rammentò in seguito s’accorse che avrebbe dovuto meravigliarsene, ma allora le sembrò una cosa assai naturale): ma quando il Coniglio trasse un oriuolo dal taschino del panciotto, e vi affisò gli occhi, e scappò via, Alice saltò in piedi, perchè l’era venuto in mente ch’ella non avea mai veduto un Coniglio col panciotto e il suo rispettivo taschino, nè con un oriuolo da starvici dentro, e divorata dalla curiosità, traversò il campo