Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/27

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

conigliera. 11


l’iscrizione “veleno,” perciò Alice si avventurò di assaggiarne il contenuto, e trovandolo delizioso (di fatto aveva un sapore misto di torta di ciliegie, di crema, d’ananasso, di tacchino arrosto, di torrone, e di crostini burrati), lo vuotò tutto d’un fiato.

*                    *                    *                    *
*                    *                    *
*                    *                    *                    *

“Che curiosa sensazione!” disse Alice; “mi vo ristringendo come un cannocchiale!”

Ed era proprio così: non aveva più che dieci pollici d’altezza, e il suo bel visino s’illuminò di gioja pensando che finalmente era giunta alla giusta statura per traversare l’usciolino, ed entrare nel bel giardino. Prima aspettò qualche minuto per vedere se rimpicciolisse di più; è vero che provò una certa ansietà su quel mutamento; “perchè, sapete, potrei rimpicciolirmi tanto da sparire affatto come una candela,” disse Alice. “A chi assomiglierei allora?” E cercò di farsi un’idea dell’apparenza della fiamma d’una

C 2