Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/38

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
22 lo stagno


con quella, — osservò che, per quanto le pareva, era ridotta a circa due piedi d’altezza e che andava impiccolendosi rapidamente: indovinò che la causa di questa nuova trasformazione era il ventaglio che aveva in mano, e subito lo buttò a terra, — e fu proprio a tempo, altrimenti assottigliava tanto da sparire totalmente.

“L’ho scampata bella!” disse Alice tutta impaurita da quel subitaneo mutamento, ma lieta però perchè esisteva ancora; “ed ora andiamo al giardino!” e rivolse sollecitamente i passi verso l’usciolino; ma ahi! l’usciolino era chiuso, e la chiavettina d’oro era sulla tavola come prima; “le cose vanno proprio alla peggio,” pensò la derelitta fanciulla, “non sono stata mai tanto piccina! E protesto che tutto ciò è un brutto affare, ma brutto assai!”

Mentre diceva queste parole, sdrucciolò, e zaffete! cascò sino al mento nell’acqua salsa. Imprima credette esser caduta nel mare, “e in tal caso potrò tornare a casa per la ferrovia,” disse fra sè. (Alice era stata una volta sola ai bagni