Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/46

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
30 corsa arruffata,


si consultarono insieme su questo argomento, e pochi minuti dopo Alice si mise a parlare familiarmente con loro, come se li avesse conosciuti da un secolo. Ebbe una lunga discussione col Lori, ma bentosto quest’ultimo le fece un viso arcigno, e disse perentoriamente, “Son più vecchio di lei, perciò devo saper più di lei;” ma Alice non volle convenirne se prima non le avesse detto quanti anni aveva. Il Lori non volle dirlo, e la loro conversazione cessò.

Finalmente il Sorcio, che sembrava essere persona d’una certa autorità fra loro, gridò, “Si seggano signori, e mi ascoltino! Io seccherò tutti in pochi momenti!” Tutti sedettero, in circolo, col Sorcio in mezzo. Alice gli affisò ansiosamente gli occhi in faccia, perchè era sicura che se non si fosse presto rasciugata avrebbe guadagnata una infreddatura solenne.

“Hem!” disse il Sorcio con aria autorevole, “sono tutti all’ordine? Questa domanda è bastantemente secca, mi pare! Silenzio tutti, di grazia! ‘Il Generale Oudinot che venne a restaurare il