Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/52

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
36 corsa arruffata,


sovranamente stupida, ma avevano tutti un contegno talmente grave ch’ella non osò ridere, pure non seppe che cosa rispondere, ma semplicemente s’inchinò e prese il ditale assumendo la migliore serietà del mondo.

Rimaneva ora il mangiare i confetti; ciò produsse un po’ di rumore e di confusione, poichè gli uccelli grandi si lagnavano che non avean potuto assaporarne il gusto, e gli uccelli piccoli avendoli inghiottiti ne rimasero pressochè strozzati e si dovette loro picchiar la schiena. Ma anche ciò ebbe un termine e sedettero in circolo, pregando il Sorcio di dir loro qualcosuccia di più.

“Si rammenti che mi ha promesso di raccontarmi la sua storia,” disse Alice, “e la ragione per cui odia i ‘G’ e i ‘C’” soggiunse sommessamente, e un poco con paura che di nuovo si offendesse.

“La mia è una storia lunga e trista, e con la coda!” rispose il Sorcio, rivolgendosi con un sospiro ad Alice.

“Certo è una lunga coda,” disse Alice, guar-