Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/56

From Wikisource
Jump to navigation Jump to search
40 corsa arruffata,


bene dicendo, “È ormai tempo di tornare a casa; l’aria della notte mi fa male alla gola!” e un canarino chiamò con voce tremula tutt’i suoi piccini, “Venite, venite carini! Gli è tempo di andare a letto!” E così chi con un pretesto chi con un altro, tutti andarono via, ed Alice rimase sola.

“Ho fatto male di nominare Dina!” disse fra sè assai mestamente. “Ei pare che niuno l’ami quaggiù, eppure la è la miglior gatta del mondo! Oh Dina mia cara! Chi sa, se ti rivedrò mai più!” E la povera Alice rincominciò a piangere perchè si sentiva tutta soletta e sconsolata. Ma alcuni momenti dopo, sentì di nuovo uno scalpiccío in lontananza, e guardò fissamente, nella speranza che il Sorcio avesse mutato pensiero, e tornasse per finire il suo racconto.