Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/70

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
54 la casettina

“La prima cosa che dovrò fare,” pensò Alice, vagando nella foresta, “la è quella di ricrescere e giungere alla mia statura naturale; e la seconda poi sarà di cercare il modo d’entrare in quell’ameno giardino. È questo, mi pare, il miglior piano.”

E davvero sembrava un piano eccellente, e imaginato assai per benino; ma la difficoltà stava in ciò ch’ella non sapea da dove rifarsi per metterlo ad effetto; e mentre aguzzava l’occhio fra gli alberi della foresta, un piccolo latrato acuto al di sopra di lei la fece guardare in su presto presto.

Un enorme cucciolo la squadrava con occhi dilatati e rotondi, e allungando una zampa cercava di toccarla. “Poverino!” disse Alice con voce carezzevole, e per allettarlo si provò a dirgli “te’, te’!” ma tremava a verghe temendo che fosse affamato, nel qual caso l’avrebbe probabilmente divorata a dispetto di tutte le sue carezze.

Non sapendo che farsi, prese un ramuscello e lo presentò al cagnolino; questo saltò in aria come un razzo, dando fuori un urlo di gioja, e s’avventò al