Pagina:Le avventure d'Alice nel paese della meraviglie.djvu/85

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

d’un bruco. 69

“Ah! respiro finalmente, la mia testa è libera!” sclamò Alice con gioja, ma tosto la sua allegrezza si mutò in terrore quando si accorse che non potea più trovare le spalle: guardando in giù non potè vedere che un collo lungo, lungo che s’elevava come uno stelo d’in mezzo a un campo di foglie verdeggianti che stavano lungi, sotto a lei.

“Che cosa è mai quel campo verde?” disse Alice. “E dove sono andate le mie spalle? Oh tapina me! come va che non vi veggo più, o mie povere mani?” E andava movendole mentre parlava, ma non sembrava che ne seguisse altro che un piccolo movimento fra le verdi foglie in lontananza.

Non sembrando possibile di portar le mani al capo, cercò di piegare il capo verso le mani, e fu contenta di vedere che il suo collo potea piegarsi e dirigersi dovunque, come un serpente. Era riuscita a curvarlo in giù in forma d’un grazioso zigzag, e stava lì lì per tuffarsi fra le foglie, quando si accorse che erano le cime degli alberi sotto i quali s’era smarrita. E sentì un gemito acuto