Pagina:Le mille ed una notti, 1852, III-IV.djvu/633

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

215


sibile ch’io faccia risparmi per mettermi più in grande colla mia famiglia. Ci basta essere contenti del poco che Iddio ne dà, e che ci tolga la cognizione ed il desiderio di quanto ci manca; ma noi crediamo che non ci manca nulla, quando abbiamo, per vivere, quello che siamo soliti avere, e non ci troviamo nella necessità di chiederne ad alcuno. —

«Detto ch’ebbi queste particolarità a Saadi: — Hassan,» mi diss’egli, «ora non mi maraviglio più di prima, e comprendo tutte le ragioni che vi obbligano a contentarvi dello stato in cui vi trovate. Ma, se io vi regalassi una borsa di duecento pezze d’oro, non ne fareste voi buon uso, e non credete che con tal somma potreste in breve diventar ricco almeno quanto i primari della vostra professione?

«— Signore,» risposi, «voi mi sembrate uomo onesto, e son persuaso non vorrete divertirvi di me, e che tale offerta me la facciate sul serio. Oso dunque dirvi, senza troppo presumere di me, che una somma molto minore mi basterebbe non solo a divenir ricco quanto i primari della mia professione, ma ben anco per diventarlo in poco tempo io solo più che non lo siano essi tutti insieme in questa grande città di Bagdad, vasta e popolosa com’è. —

«Il generoso Saadi mi mostrò all’istante d’avermi parlato sul serio. Trasse dal seno la borsa, e messo mela in mano: — Prendete,» mi disse, «ecco la borsa; vi troverete dugento pezze d’oro ben contate. Prego Dio che vi dia la sua benedizione, e vi conceda la grazia di farne il buon uso che vi auguro; crediate che qui il mio buon amico Saad ed io avremo grandissimo piacere, quando sapremo avervi esse servito a rendervi più felice. —

«Commendatore de’ credenti, ricevuta la borsa e postamela in seno, mi sentii trasportato da tale allegrezza, e fui si penetrato di gratitudine, che man-