Pagina:Le pitture notabili di Bergamo.djvu/45

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

41

la Vergine, ed altri Santi da Giuseppe Brina, che non seppe per la sua dilavata maniera imitare lo stile robusto dei primi. Osservabili sono ancora due Armi di Casa Albani, poste a stucco colorito e dorato ne’ Pilastri dell’Arco della Tribuna maggiore; l’una coperta da un Cappello Cardinalizio, l’altra da uno Arcivescovile: siccome ancora il Diposito marmoreo situato in alto nel fianco sinistro del Coro, in cui riposa un segnalato Soggetto della medesima Nobil Casa. Uscendo di Chiesa e proseguendo il cammino si entra in Piazza nuova; che fu cominciata nel 1517. e finita nel 1521. in testa alla quale è posta la

CITTADELLA.


XI.


ORnata esteriormente in alto e verso Monte di una Favola dell’Ariosto dipinta a fresco, e già tempo di più altre che sono perite, da Giovanni Cariani Bergamasco, Pittore di grido, e Allievo di Giorgione da Castelfranco. Del medesimo Artefice si reputano le quattro Lunette nella sommità della Facciata, due per banda della Torre, per la cui Porta si ha l’ingresso nel Cortile del

PALAZZO PREFETTIZIO.


XII.


NElla quarta Sala del qual Palazzo, che è quella di Ricevimento, è degno da vedersi il Qua-