Pagina:Le poesie di Catullo.djvu/48

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48 Le poesie di Catullo


25La fedelissima Acme raccoglie
     Tutte in Settimio delizie e voglie.

Chi mai due anime sì lieto e fide,
     Più fausta Venere chi chi mai vide?


46

Già sciolti i gelidi lacci, leggera
     Sen torna e tiepida la Primavera;

Già l’equinozio riede, e al giocondo
     Spirar di zefiro si schiara il mondo.

5Lascia or la Frigia, Catullo, e i piani
     Di Nicea fertili, benchè malsani;

Su, d’Asia all’inclite città voliamo:
     Non soffro indugj, vagare io bramo.

Al grato ufficio, con nuovo ardore
     10I piè mi brillano, mi trema il core.

Addio, bel numero d’amici eletti,
     Che insiem partendovi da’ patrj tetti,

Da lungi a’ patrj tetti ritorno
     Per vie sì varie farete un giorno.