Pagina:Le poesie di Catullo.djvu/79

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

trad. da Mario Rapisardi 79


2La dea, che in guardia tien l’ardue castella,
     Il carro alato di sua man costrusse,
     Ella spianò le pinee travi, ed ella
     A la curva carena indi le indusse.
     A nova impresa allor per via novella
     Sul pelago scoglioso egli s’addusse:
     Fendeasi al rostro il mar ventoso, e tutti
     Torceansi al remo incanutiti i flutti.

3Fu allor, che degli abissi biancheggianti
     Le nereidi marine erser le ciglia,
     E allo strano spettacolo i sembianti
     Teneano immoti da la meraviglia.
     Allor fu, che mortale occhio i raggianti
     Corpi fruì dell’equorea famiglia,
     E mirò delle ninfe alme l’aspetto
     Nude, fuor delle spume, a mezzo il petto.

4Indi Peleo per Teti arse d’amore,
     Nè d’umani imenei Teti fu schiva;
     Ed anch’esso di Teti il genitore
     ll maritaggio di Pelèo sanciva.
     O nati in una età tanto migliore,
     Eroi, figli d’un nume o d’una diva,
     Salvete anco una volta; e s’avvien ch’io
     V’invochi, sorridete al verso mio.