Pagina:Le prose e poesie campestri....djvu/64

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
48 le prose

e niente a lui dica, mai niente, la stelleggiata volta notturna. Poco avido di que’ beni, dietro cui sospirano tanti, io pago sarò, che tu m’abbia, o Natura, conformato in guisa, ch’io possa... non dico dipingerti: perchè quale è la fantasia che a ciò basti? o qual linguaggio ha parole così fresche, così colorate, così lucide, che se ne contenti la fantasia? ma ch’io possa ammirare, e sentir nel fondo dell’anima la sacra e non esprimibile tua beltà.