Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/383

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

adjecta 351

II.


     Morremo entrambi e, se dicesti il vero,
al di là della terra e della vita,
nella luce suprema ed infinita
4ci troveremo in faccia al Gran Mistero.

     Nessun labbro facondo e lusinghiero
venderci allor potrà l’arte scaltrita,
nè mantel di monarca o di levita
8potrà coprir la carne od il pensiero.

     Io Gli dirò: — Dalla tua legge appreso
ho sol l’amore ed ho nel mondo amato. —
11Tu dirai: — Maledissi e fui difeso. —

     Io dirò — Se soffersi, ho perdonato. —
E tu dirai: — Quando mi tenni offeso,
14la Giustizia del Re m’ha vendicato! —