Pagina:Le rime di Lorenzo Stecchetti.djvu/654

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
622 adjecta.


     Canti a gli sciocchi gli epinìci suoi
chi l’umile bontà sprezza e deride
o novera tra i grandi e tra gli eroi
          solo chi uccide:

     dica l’alta epopea le stragi orrende,
le città divampanti e combattute;
modesto io canterò l’acqua che rende
          vita e salute.

     Altri faccia sonar strofe ammirande,
ch’io dirò sottovoce il canto umìle
e il cantor degli eroi sarà più grande,
          io più civile.