Pagina:Leonardo - Trattato della pittura, 1890.djvu/392

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search



817. Della proporzione che hanno infra loro le ramificazioni delle piante 261

818. Della ramificazione degli alberi ivi

819. All'albero giovane non crepa la scorza ivi

820. Della ramificazione delle piante 262

821. Delle ramificazioni delle piante 263

822. Del nascimento delle foglie sopra i rami ivi

823. Delle ramificazioni delle piante colle loro foglie 264

824. Del nascimento de' rami nelle piante ivi

825. Perchè molte volte i legnami non sono diritti nelle lor vene 265

826. Degli alberi ivi

827. Degli alberi ivi

828. Della ramificazione degli alberi ivi

829. Della ramificazione che in un anno rimette, nelle fronti de' rami tagliati. 266

830. Della proporzione de' rami colla proporzione del loro nutrimento ivi

831. Dell'accrescimento degli alberi e per qual verso più crescono 267

832. Quali rami degli alberi sono quelli che più crescono in un anno ivi

833. Della scorza degli alberi ivi

834. Della parte settentrionale delle piante degli alberi ivi

835. Della scorza delle piante 268

836. Delle diversità che hanno le ramificazioni degli alberi ivi

837. Delle ramificazioni delle piante che mettono i rami a riscontro l'uno dell'altro ivi

838. Degli accidenti che piegano le predette piante ivi

839. Degli accidenti delle ramificazioni delle piante 269

840. Delle trasparenze delle foglie ivi

841. Del centro degli alberi nella loro grossezza ivi

842. Qual pianta cresce nelle selve di più continuata grossezza ed in maggiore altezza 270

843. Qual pianta è di grossezza più disforme e di minore altezza e più dura ivi

844. Delle piante e legnami segati i quali mai per sè si piegheranno ivi

845. Delle aste che più si mantengono diritte ivi

846. Delle crepature de' legni quando si seccano 270

847. De' legni che non si scoppiano nel seccarsi ivi

848. Ramificazione di alberi in diverse distanze 271

849. Della parte che resta nota negli alberi in lunga distanza ivi

850. Delle distanze più remote delle anzidette ivi

851. Delle cime de' rami delle piante fronzute ivi

852. Perchè i medesimi alberi paiono più chiari d'appresso che da lontano 272

853. Perchè gli alberi da una distanza in là quanto più sono lontani più si rischiarano ivi

854. Delle varietà delle ombre degli alberi ad un medesimo lume, in un medesimo paese, in lume particolare 273

855. De' lumi della ramificazione degli alberi ivi

856. Della forma che hanno le piante nel congiungersi colle loro radici ivi

857. Delle ombre e lumi e loro grandezze nelle foglie ivi

858. Dell'illuminazione delle piante 274

859. Ricordo delle piante al pittore ivi

860. Del lume universale illuminatore delle piante ivi

861. Degli alberi e loro lume 275

862. Della parte illuminata delle verdure e de' monti ivi

863. De' lumi delle foglie oscure ivi

864. De' lumi delle foglie di verdura traenti al giallo ivi

865. Degli alberi che sono illuminati dal sole e dall'aria ivi

866. De' lustri delle foglie delle piante ivi

867. Del verde delle foglie 276

868. Dell'oscurità dell'albero ivi

869. Degli alberi ivi

870. Degli alberi posti sotto l'occhio ivi

871. Delle cime sparse degli alberi 277

872. Delle remozioni delle campagne ivi

873. Dell'azzurro che acquistano gli alberi remoti ivi