Pagina:Leonardo prosatore.djvu/186

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
182


le gionture, perchè non v’è se no la cartilaginosa e nervosa pelle, non pò disseccare e non disseccando non diminuisce.


Tra li omini e i puttini vi truovo gran differenza di lunghezza da l’una all’altra giuntura, imperochè l’omo dalla giuntura della spalla al gomito e dal gomito alla punta del dito grosso e dall’uno omero della spalla all’altra1 due teste per pezzo, el putto n’ha una, perchè la natura ci compone prima la grandezza della casa dello intelletto che quella delli spiriti vitali.

Misure dell’uomo.

Tanto apre l’omo nelle braccia, quanto è la sua altezza.

Dal nascimento de’ capegli al fine di socto del mento è il decimo dell’altezza dell’uomo2, dal disocto del mento alla sommità del capo è l’octavo dell’altezza dell’omo; dal di sopra del petto alla sommità del capo fia il sexto dell’omo, dal disopra del petto al nascimento

  1. Sottintende: misura.
  2. Si misuri pigliando per misura una delle membra. Vitruvio prende per unità di misura il piede, l’Alberti ritiene cosa più degna prendere il capo. Del resto, ha trovato che tanto è la misura del piede quanto è dal mento a tutta la testa. Tratt. di Pitt. e della Statua, cit., p. 55-56.