Pagina:Leopardi - Operette morali, Gentile, 1918.djvu/426

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


ndarum — 362 — dignitate homines efferri ita conOenil, ut olio non prospiciant, ncque ullum amplexari otium, quod abhorrent a dignitate ». Cfr. De orat. I, I. Pag. 263,30 - Allude alla rotazione del Sole scoperta da Cristoforo Scheiner, per l’osservazione delle macchie solari, nei primi decenni del sec. XVII. Pag. 264, 1 ! - FONTENELLE 1. c. « On n’ auroit donc jamais dû rece¬ voir le système de Copernic, puisqu' il est si humiliant. Aussi Copernic Itn-méme se défioit-il fort du succès de son opinion. Il fut très-Iong-temps à ne la vouloir pas publier. Enfin il s’ y résolut, à la prière de gens très-con- sidérables, mais aussi le jour qu’ on lui apporta le premier exemplaire imprimé de son livre, savez-vous ce qu’ il fit ? il mourut ». DIALOGO DI PLOTINO E DI PORFIRIO. Anche di questo dialogo s’ è voluto indagare quale fondamento storico potesse avere nelle dottrine di Plotino (il maggiore dei Neoplatonici aies- , sandrini, n. 205 d. C. in Egitto a Licopoli, e m. in Italia il 270, autore di 54 dissertazioni distribuite in sei Enneadi) : F. TOCCO, Il dial. leopardiano di Plotino e Porfirio, in Studi ital. di filo! class. Vili (1900) 427-501 ; ma per venire alla conclusione già prevedibile, che il Leopardi « ha messo sul labbro di Porfirio sentenze, che un neoplatonico come lui avrebbe tenute poco meno che bestemmie, e che nel fatto sono un anacronismo, come tutto quel tetro pessimismo che nessun antico, e meno che mai un neoplatonico, ' avrebbe potuto professare. Né Plotino è pili in carattere di Porfirio.... Il L. ; fa parlare i filosofi non a modo loro, ma a modo suo » (pp. 499-500). a E a proposito dell' avvertenza del L. nella nota 59 : « La verità è che i ragionamenti di Porfirio non t'accordano con la filosofia dei neoplatonici, né con le opinioni del secolo XIX ; ma non tono te non l’eco dei pentieri del L. tteuo, che in Plotino e in Porfirio ha voluto rappretentare i diverti elementi del tuo pcntiefo, un petiimisino radicale in quetto e in quello un tenlimcntaliimo alla Routteau » (pag. 501). Pag. 265, 8 9 - PORFIRIO, Vita di Plotino $11; EUNAPIO, Vita di Porfirio, pag. 457, 43 (Boittonnde). La vita di Plotino tcrilta da Porfirio fu dal L., quando aveva 16 anni, commentata in italiano e in latino (PIER- j GIÙ. N. doc. leop., Firenze, 1865, pag. LXII tg.)‘. Pag. 267,7 - Il LOSACCO (Contr., pag. 121) richiama la lelt. del 28 genn. 1623, dove il L. tciiveva : t Non dico già dalla immaginazione, volendo inferire che tu abbi il torto, ma voglio intendere che di là vengono tutti i nostri mali ; perché infatti non v' è al mondo né vero bene né vero male, umanamente parlando, te non il dolore del corpo » ; e vi pone a —