Pagina:Leopardi - Paralipomeni della Batracomiomachia, Laterza, 1921.djvu/69

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


APPRESSAMENTO DELLA MORTE 59 Ardea come fiammella chiara e lieta, mia speme in cor pasciuta dal desio quando di mio sentier vidi la mèta: allora un lampo la notte m’aprio, 35 e tutto cader vidi; allor piagnendo ai miei dolci pensieri i* dissi: — Addio! — Già l’avvenir guardava, e sorridendo dicea: — Lucida fama al mondo dura; fama quaggiù sol cerco e fama attendo. 40 Misero ’ngegno non mi die’ natura. Anco fanciullo son: mie forze sento: a volo andrò battendo ala sicura. Son vate: i* salgo e ’nver’lo ciel m’avvento, ardo, fremo, desio, sento la viva 45 fiamma d’Apollo e *1 sopruman talento; grande fia che mi dica e che mi scriva Italia e ’1 mondo, e non vedrò mia fama tacer col corpo da la morta riva. Sento. ch’ad alte imprese il cor mi chiama: 50 a morir non son nato, eterno sono che ’ndarno ’1 core eternità non brama. — Mentre ’nvan mi lusingo e ’nvan ragiono, tutto dìspare, e mi vien morte innante, e mi lascia mia speme in abbandono. 55 Ahi! mio nome morrà. Si come infante che parlato non abbia, i’ vedrò sera, e mia morte al natal sarà sembiante; sarò com’un de la volgare schiera, e morrò come mai non fossi nato, 60 né saprà ’1 mondo che nel mondo io m’era. Oh durissima legge, oh crudo fato! qui piango e vegno men, che saprei morte, obblivion non so vedermi allato. Viver cercai quaggiù d’età più forte, 65 e péro e ’ncontr’a obblio non ho più scampo, e cedo, e me trionfa ira di sorte.