Pagina:Leopardi - Puerili e abbozzi vari, Laterza, 1924.djvu/40

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


I. PUERILI 3 AL SERVO (libro I, ode XXIX). L’altiero fasto persico ho in odio, o servo vigile; sdegno corone nobili strette da nastro roseo. Non ricercar purpurei fiori in giardino fertile : sol questo, o fante, aggradami: il mirto deve rendere contento me, che bevere il vino in tazze concave sotto una vite voglio. 4 A POMPEO GROSFO (libro II, ode XI). Pace richiede ai numi nocchier da venti spinto e da tempeste, tostoché vide dalle nubi infeste la luna e gli astri ascosi; l’ozio domanda il bellicoso Trace, l’ozio l’armata nazion persiana cui donarla non può gemma indiana. Non sgombran la tristezza l’oro e gli augusti consolari fasci, né discacciar si può l’affanno e il duolo che move intorno ai regi tetti il volo.