Pagina:Lezioni e racconti per i bambini.djvu/3

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search


^Z-IL LIBRO DELLA GIOVINETTA -— — t,tLETTUREtPERtLE JOLE ELEMENTARI FEMMINILI volume in— 1<>° .... in t<*la e oro per premio L. 1,50 » 2,50 una < n sfitti*’ con (ine accorgimento, ih’/fa Giovi,ietta, contiene cose svariate e tutte letture sono alternate in modo ila non stancare ranili. Ai consigli di una buona massaia, segue li gloria; a questa la descrizione di una passegspettaeolo: poi un racconto, un aneddoto, e quindi ’strazione scientilìca, a cui succedo la biografia di un ino antico o moderno; e cosi via discorrendo, sto letture di sonoro diverso, messe insieme con guv’e qualche cosa clic rammenta He tutta femminile del comporre un mazzo di fiori. in questo libretto la nota del sentimento. Nel oapjoloj^ititolato Certi r/croff tifici, è commoventissimo l’ancd&*to (M vècchio colonnello cieco, a cui muore tisica la figlia unica per la troppa fatica dello studio. Portata via la figliuola adorata, il povero cicco tocca i libri sui quali essa studiava e piange in silenzio. 11 semplice fatto è descritto con pochi tratti; ina bastano a strappare lo lacrime. È un bozzetto da vero artista. E eoa un episodio ancora più triste, più straziante, l’autrice termina il Miro. Noi scorgiamo in questa chiusa un gentile pensiero, una felice ispirazione. Il libro poteva finire col capi¬ tolo precedente sulla seta e i Cinesi: e poteva stare. Ma sa¬ rebbe rimasto freddo. 11 presentare per ultima cosa, per ultima mmagine, diremo così, alle giovinette, cui l’operetta ò dedi¬ cata, quella povera vedova, malata, colla sua bambina feb¬ bricitante che va all’ospedale, equivale ad un eloquente addio alle giovani lettrici, ad un caldo affettuoso appello al loro cuore, come si dicesse loro senza faro una predica: Istruitevi; ma sopra tutto siate buone e pietose, che, la piet. è il più bel¬ l’ornamento della donna; e la bontà vai molto nell’ingegno. » (Dal Fanfutta detta Domenica, 25 settembre ISSI. Dirigere commissioni c vaglia alla Libreria Enrico Trevisini - Milano.