Pagina:Macbeth.djvu/143

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

140 MACBETH

Lenox ed Ango.
malcom.
Benvenuti, illustri
Signori! Onde venite, e che recate?
lenox.
Un cor leale ed un acciar rechiamo.
angus.
Una spada ed una fede a voi devote
per antico dover. La Scozia, o prence,
Cerchiam tra le britanne amiche tende.
malcom.
Presagio avventuroso, arra secura
Della vittoria! Ch’io vi stringa al petto,
Nobili amici miei! Sì, vincitrici
L’armi nostre saran da poi ch’io veggo
Come il cor dei migliori a noi si volge.
seiward.
Il tiranno che fa? Se vero è il grido,
Si chiude in Dusinana, ed ivi aspetta,
trepido degli eventi, il nostro assalto.
angus.
Nel castel si gittò di Dusinana
Ben munito da lui. Che sia demente
vuolsi; e chi men lo abborre acceso, il dice
Da bellicosa frenesia. Che possa
Moderar sé medesmo in questa lotta