Pagina:Maffei - Verona illustrata I-II, 1825.djvu/82

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search

DELL’ISTORIA

DI

VERONA




LIBRO SECONDO


Non poteano i Veneti non esser nazione di molto grido, e non esser sozietà di gran forza, mentre sì ampio paese occupavano, quanto è dal Chiesio al mare, e quanto è tra ’l Po e l’Alpi, e regioni teneano, delle quali difficilmente in qualunque parte si troveranno le più fertili, le più deliziose e le più felici. La prima notizia de’ fatti di questa gente, e per conseguenza de’ Veronesi, si ha per occasion della guerra de’ Galli Senoni contra Roma, già che per lo più tanto sappiamo degli antichi popoli occidentali, quanto ebbero a far co’ Romani. Bella memoria adunque ci ha unicamente conservata Polibio (lib. 2: Τῶν Οὐενετῶν ἐμβαλόντων ec.); cioè che quando i Senoni con l’aiuto degli altri Galli Cisalpini entrarono vittoriosi in Roma, l’anno 364 dalla sua fondazione, furono al fine costretti a ritirarsi e a far pace, per aver prese l’armi i Veneti contro di essi, ed essere entrati ne’ lor confini. Gran corpo e gran comunanza fin dal quarto secolo di Roma