Pagina:Maffei - Verona illustrata IV, 1826.djvu/112

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
106 capo terzo

recipiente ottangolo di marmo nostrale in circonferenza di piedi 28, che son palmi Romani architettonici 42, tutto d’un pezzo: in mezo ad esso è altro piccol recipiente a quattro nicchi rotondi. Le otto facce son lavorate a rilevo molto operosamente, e di non disprezzabil maniera. Su gli angoli tramezano separando colonne canalate, ma sempre variamente, con linee e figure diverse: i capitelli e le mensole che giran sopra dintorno danno qualche saggio d’architettura, e son pur tutte d’opera diversa. Il primo quadro ha la Vergine annunziata in piedi, levata da sedere col lavoro in mano e nimbo alla testa lavorato: l’Angelo ha giglio in mano e nimbo liscio: donne a due portiere in alto di maraviglia. Il secondo quadro ha la Visitazione, indi la Natività; culla e animali con S. Giuseppe a sedere; Vergine a letto, e bambino che vien lavato; il qual modo di rappresentar la nascita del Signore in più monumenti si vede, e venne da libri apocrifi, come tocca S. Girolamo contra Elvidio. Nel terzo l’Angelo dà l’avviso a Pastori, un de’ quali tien flauto doppio. Il quarto mostra la venuta de’ Magi, tutti e tre senza corona, non avendo preso piede l’opinione che fossero Re. In moneta Greca attribuita dal Cangio a Giovanni Zimisca, che morì nel 975 hanno berette Frigie in capo: i nostri le hanno tonde, e son vestiti più alla Romana o Italiana de’ mezani secoli, che all’Asiatica. Nel quinto Erode in trono dà l’ordine a’ soldati d’uccidere i bambini: un di essi lui la spada appesa dinanzi, come in monumenti Romani si osserva. Nel