Pagina:Maineri - Ricordi delle Alpi.djvu/74

Da Wikisource.
Jump to navigation Jump to search
70 ricordi delle alpi.


     «Morirò, morirò — che n’averai? —
     Per me sia messa in ordine la croce.
     E le campane suonar sentirai,
     Cantare il miserere a bassa voce:
     ’N mezzo di chiesa portar mi vedrai
     Cogli occhi chiusi e con le mani in croce:
     E arriverai a dire: or me ne pento. —
     Non occorr’altro, quando il fuoco è spento.»

Sedetti sopra una pietra, quasi frenando il respiro per cogliere questi fior montanini; ma la voce s’arrestò e udii questo dialogo.

— Su, non rispondi, Cecchina? è già la terza volta che mi ti fai seria, e manchi di parola: ciò non va bene, sai, non va bene.

— Ma sei tu, Rosina, che non tieni la parola: promisi di farti coro nella canzone del marinaro:

               «Partirò sul bastimento,
               Vedrò terre e mari nuovi...

e invece sei sempre lì col tuo Lamento della morte. E questo non mi piace, te lo ridico!

— Il maestro del Comune lo loda tanto! un giorno diceva, ch’è la più commovente elegìa (elegìa credo la chiami), che si conosca. Vedi....

— Ma allora non t’era ancor toccato la disgrazia di Carlino. — E qui la voce della